/ Premi e riconoscimenti / Meravigliosa Federica

Meravigliosa Federica

Inserito il

Questo progetto per me è stato un riscatto personale, una liberazione, contro la sindrome che mi aveva reso una ragazza debole e senza aspettative.” Questa è l’entusiasmante dichiarazione di Federica Pinto, una ragazza “speciale” che insieme alle amiche della classe 4^A LSU, per conto dell’IIS “Da Vinci – Agherbino”, ha partecipato alla Terza edizione del concorso “Le Meravigliose Rarità” dell’associazione AMARAM Onlus riguardante ragazzi “speciali”, riuscendo a conseguire, nella meraviglia e nell’entusiasmo generale, il primo posto con il brano “Captiva” e il video Noise kills (Noi!Skills), con la partecipazione anche di Giovanni Zito, Nicole Mastrovito e Sara Palmisano che hanno lavorato alla realizzazione del brano e Angelo Mottola che ha realizzato il montaggio video. Inoltre hanno partecipato al progetto, in qualità di docenti e figure specialistiche, Maria Galiani, Licia Mesiano e Adriana D’Onghia, Fenisia Gramolini. Federica ha definito questa vittoria una “splendida realtà”, in grado di farla sentire più forte, dopo una vita passata nel timore della solitudine e nel senso continuo di chiusura, e parte integrante della scuola che definisce “una nuova famiglia”: “Inizialmente credevo che fosse un gioco poi, pian pianino, mi sono resa conto, vedendo l’entusiasmo dei professori e dei compagni, che uno scherzo non era, ma una splendida realtà. Il video racconto è nato dai miei pensieri più intimi che i miei compagni e le mie docenti sono riusciti ad esprimere bene sia in immagini che in musica. Ho insistito molto, fin da subito, sul senso di chiusura e di solitudine che mi capita di vivere in presenza di suoni molto forti e improvvisi. La porta chiusa che ho voluto rappresentare  nasconde dietro una serie di difficoltà che ho dovuto affrontare nella mia giovane vita; nell’apertura della porta ho voluto comunicare la voglia di rompere questa situazione di sconforto andando incontro al mondo e scoprendo in quel momento che il mondo veniva incontro a me. Questo progetto per me è stato un riscatto personale, una liberazione, contro la sindrome che mi aveva reso una ragazza debole e senza aspettative. Oggi mi sento più forte e, grazie alla vicinanza di tutti quelli che in questo progetto mi hanno affiancato, mi sento parte integrante della mia scuola che voglio definire una nuova famiglia”.

Anche le compagne di classe sono emozionate non solo per il risultato raggiunto, ma anche per il forte legame che questa esperienza ha lasciato loro, mettendo in evidenza come anche solo lo stringersi per mano può aiutare qualcuno a lottare contro le proprie difficoltà: “La realizzazione di un video racconto basato sull’esplicitazione dei bisogni speciali di Federica è stato per noi un lavoro complesso che tuttavia ci ha lasciato grandissime emozioni. Dal primo momento abbiamo deciso di partire dalle paure  di Federica e dalla sua necessità di non essere sola. Questa esperienza è stata per noi un momento di confronto e conoscenza che ci ha dato modo di appurare quanto sia forte la nostra Federica nella vita di tutti i giorni e quante difficoltà debba affrontare per poter vivere serenamente, quanto sia grande la sua voglia di sconfiggere le sue paure tenendoci per mano. E’ stata inoltre un’occasione unica per stringere legami più forti e più autentici creando un lavoro di squadra fantastico”.

Soddisfatti Giovanni e Sara, autore e cantante del brano “Captiva” del video Noise kills (Noi!Skills): “Abbiamo deciso di parlare di questa bellissima esperienza ad “una sola voce”, per così dire, proprio come abbiamo fatto durante la scrittura del brano. Infatti, quando ci è stato proposto di lavorare ad una canzone che facesse da sottofondo al videoracconto  “Noise kills (Noi!Skills)” partendo dai bisogni speciali riportati a noi tutti da Federica, per quanto non ci sentissimo pronti e fossimo timorosi di fronte ad un’esperienza di questo tipo, da subito siamo stati entrambi convinti che avremmo dovuto esprimere in parole un messaggio che potesse parlare e arrivare a tutti ma con dignità. Scrivere senza perdere di vista le parole di Federica ed il suo messaggio non è stato facile ma i risultati si sono visti e non possiamo che esserne felici”. Felice anche Nicole, cantante e sua amica di classe: “Cantare il brano mi ha dato modo di immedesimarmi a pieno nelle problematiche di Federica riuscendo così a capire meglio cosa fosse la sua sindrome Non è stato facile, qualcosa in me è cambiato Fare squadra, inoltre,  con Sara e Giovanni è stato per me molto importante perché mi ha permesso di  rafforzare il nostro legame conducendoci così ad un lavoro ricco e  condiviso”.

Anche Angelo Mottola si è definito entusiasta per il risultato dichiarando: “Questa produzione, come ogni produzione del tipo, accresce sempre la visione di team ed insegna ad organizzarsi. In particolare, il video è stato per me un modo per conoscere, così come esplicitato nel titolo del concorso AMARAM, i bisogni speciali di Federica e per capire quanto la soddisfazione degli stessi sia necessaria. E’ stata una grande emozione poter vincere il primo premio su scala nazionale”.

 

Alessandro Modesto Montanaro, Giovanni Marco Loparco, Francesco Pio Recchia

Redazione di Istituto

IIS “Da Vinci – Agherbino”

Top

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi