/ Ultime notizie / Progetto “Moro vive”: i liceali del “Da Vinci – Agherbino” dialogano con l’on. Grassi

Progetto “Moro vive”: i liceali del “Da Vinci – Agherbino” dialogano con l’on. Grassi

Inserito il

Locandina Moro

Nell’ambito del progetto “Moro vive”, promosso dal Consiglio Regionale della Puglia, venerdì 15 gennaio 2021, dalle ore 10 alle ore 12, l’on. Grassi sarà ospite dell’ISS “Da Vinci Agherbino” di Noci, dove incontrerà on line gli studenti delle classi quinte liceali. L’evento sarà introdotto dalla Dirigente Scolastica, prof.ssa Anna Maria Pani, e avrà come moderatore il referente del progetto, prof. Beppe Novembre, che dialogherà con l’on. Gero Grassi e gli studenti, collegati in remoto per le attuali disposizioni emergenziali regionali.

STUDIARE MORO – Nel 2021 saranno trascorsi 43 anni dal ritrovamento del cadavere di Aldo Moro in via Caetani a Roma e parlare ai ragazzi pugliesi di questa drammatica pagina della nostra storia significa anche riannodare i fili del nostro presente. “Parlare di Moro significa parlare della storia d’Italia che si sviluppa dalla seconda guerra mondiale ai giorni nostri. Significa riattualizzare una idea di politica ed Istituzioni che devono sempre tenere al centro la persona” scrive l’on. Grassi nella prefazione al suo libro “La verità negata” che gli studenti hanno approfondito negli scorsi mesi.

“MORO VIVE”, “MORO EDUCATORE”, “MORO: IL PROFESSORE” – Il progetto “Moro vive”, al suo terzo anno, ha l’obiettivo di far conoscere agli studenti pugliesi delle scuole secondarie di secondo grado il pensiero ed il ruolo di Aldo Moro.
L’incontro prevede la descrizione, attraverso gli atti processuali e delle Commissioni d’inchiesta di cui Grassi ha fatto parte per gli anni 2014-2018, della vicenda umana e politica, del rapimento e della morte di Aldo Moro, a partire dalla prima lezione all’Università di Bari del 3 novembre 1941 sino al 9 maggio 1978, data del ritrovamento del cadavere. Il tutto inserito nel quadro storico-politico italiano ed internazionale, che va dagli anni quaranta ad oggi.
A tener viva la memoria dello statista di Maglie in questi ultimi anni è stato il Consiglio regionale della Puglia con una serie di progetti fra cui, oltre “Moro vive”, anche “Moro educatore” rivolto ai docenti pugliesi e “Moro: il professore”, rivolto invece agli studenti delle università pugliesi.

 

Top

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi